Logo  
  Stylish icon Stylish icon  
 

 

Tecnica vibrazionale

Le tecniche vibrazionali fanno parte dell’enorme bagaglio di saggezza lasciatoci in eredità da Baba Bedi.
Baba Bedi è nato nell’India settentrionale nel 1909 e ha a studiato in varie università conseguendo tre lauree. Nella prima parte della sua vita ha partecipato attivamente alla guerra di liberazione del suo paese contro gli inglesi durante la quale fu imprigionato subendo torture che gli causarono una lesione alla colonna vertebrale impedendogli poi di muoversi e camminare liberamente.
Dopo l’indipendenza dell’India ricoprì per alcuni anni una carica politica di grande rilievo che successivamente abbandonò perchè ‘sentiva’ di doversi dedicare ad altro.
Molti sono i suoi insegnamenti e tutti sono volti ad aiutare l’essere umano a crescere e ad evolvere fino alla totale illuminazione della coscienza.
Baba Bedi insegnava l’importanza di avere la totale percezione della realtà, del vivere pienamente, in modo che tutte le energie che sono dentro di noi possano esprimersi totalmente.
Baba Bedi insegnava che per guarire è necessario che ogn’uno si assuma la responsabilità della propria guarigione.
Generalmente quando una persona si ammala si preoccupa solo dell’organo in cui si manifesta la malattia perchè è più facile dire: ‘il mio braccio, il mio fegato… è malato’ piuttosto che:’io sono malato’.
Ogni organo è una totalità ma fa parte di una totalità ancora più ampia quindi, da un punto di vista energetico, non si può considerare un organo isolatamente. Anche molti medici oggi hanno iniziato a vedere la malattia in modo olistico, cioè come la manifestazione di una disarmonia che coinvolge la persona nella sua totalità e non solo in una sua parte.
Tuttavia la medicina ufficiale quasi sempre si pone di fronte all’ammalato e alla malattia con un atteggiamento a volte autoritario e paternalistico e questo induce le persone che si rivolgono ai medici per essere curate a delegare loro qualsiasi scelta e qualsiasi responsabilità sulla propria possibilità di guarigione.
Questo modo di affrontare la malattia non è corretto nè dal punto di vista della vera guarigione nè da quello dell’evoluzione della coscienza.
Ogni volta che noi, con i nostri atteggiamenti e comportamenti ci opponiamo all’armonia del Tutto, creiamo una energia negativa che altera l’equilibrio naturale. Se pensiamo che la malattia sia il risultato di una serie di disarmonie protratte nel tempo, allora possiamo anche cogliere l’importanza evolutiva della malattia stessa perchè essa ci dà la possibilità di diventare consapevoli di ciò che siamo, di trasformarci e di reinserirci responsabilmente nel processo di evoluzione e realizzazione personale.
La vera guarigione implica infatti un atto di responsabilità consapevole da parte dell’ammalato inoltre, se la malattia è la conseguenza di una alterazione energetica protrattasi nel tempo, per guarire, cioè ristabilire l’armonia globale interrotta, è necessario intervenire non solo a livello fisico ma anche a livello vibrazionale.L’armonia e il benessere vengono ristabiliti se la persona malata, tramite la propria volontà e consapevolezza, si assume la responsabilità di modificare gli atteggiamenti interiori che sono le vere cause della malattia.
Non si tratta allora di un processo di guarigione indotto dall’esterno ma di una vera e propria autoguarigione, sostenuta e favorita dall’utilizzo delle tecniche vibrazionali.
Con la Tecnica Vibrazionale si lavora contemporaneamente su due piani:
– curare la malattia nella sua manifestazione intervenendo sulle cause che l’hanno originata;
– aiutare la persona a sviluppare la propria personalità e la consapevolezza di ciò che essa è.

Alcuni degli strumenti principali di cui si avvale la Tecnica Vibrazionale sono:
Attivazione della sensibilità psichica
Baba Bedi insegnava che l’evoluzione della coscienza umana si è sviluppata attraverso stadi successivi. Inizialmente ha cominciato a funzionare l’intuito, successivamente si è sviluppata la coscienza etica, ora si sta attivando la sensibilità psichica.
Un tempo questo era un privilegio di santi e illuminati ma oggi è giunto il momento che questo organo vibrazionale funzioni in tutti gli individui. Tutti infatti siamo destinati a diventare esseri umani totali.
Diagnosi psichica
Ogni stato d’animo non espresso crea una disarmonia che si localizza in una parte del corpo. Usando la sensibilità psichica è possibile fare una indagine energetica della persona e individuare tutti gli organi fisici che sono stati toccati dallo squilibrio prima che quest’ultimo si manifestasse come malattia in un organo specifico.
Imposizione delle mani
Con le mani si emanano vibrazioni di Luce sulle zone individuate dalla diagnosi psichica favorendo il fluire dell’energia bloccata e ristabilendo l’armonia e il benessere sia nel corpo fisico che nei corpi sottili.
Terapia della coscienza
Con la terapia della coscienza si possono individuare le esperienze, i momenti della vita in cui la persona ha vissuto stati d’animo che hanno determinato una alterazione dell’equilibrio originario e sono quindi le cause da cui è sorta la malattia.
Man mano che gli eventi vengono ricordati e gli stati d’animo riconosciuti, la coscienza riaquista la propria funzione di coordinatrice e stimolatrice dell’evoluzione personale.
Ricerca dei talenti
Si esegue terminata l’attivazione della sensibilità psichica ed ha lo scopo di individuare quelle capacità che la persona può utilizzare al meglio per realizzare sè stessa e svolgere il compito per il quale si è incaarnata.
Qualsiasi capacità, sia essa tecnica, organizzativa, amministrativa o artistica può essere un talento.

 
Stylish icon   Stylish icon

Websites designed and created By segnaleinterrotto.it