Logo  
  Stylish icon Stylish icon  
 

 

I Libri

Il primo libro

Giuseppina Morrone, Iniziazione alla dualità maschile-femminile – Comprendere le ferite d’amore, Edizioni Mediterranee Roma 2006

Il volume è reperibile presso qualsiasi libreria.

.

Comprendere le ferite d’amore

Molte sono le ferite, chiamiamole d’amore, che il maschile infligge al femminile e il femminile infligge al maschile.

L’uomo vive continui tradimenti quando sente di non essere sostenuto dalla sua donna; la donna vive continui tradimenti quando sente che non c’è ascolto e comprensione profonda del suo sentire.

Allora guardiamo quali caratteristiche devono sviluppare un uomo e una donna per riuscire a nutrirsi della differenza.

L’energia maschile profondamente radicata in se stessa non ha paura dello scompiglio, della critica, e non ha bisogno di sostegno, in quanto sa profondamente che la sua energia è in grado di trarre ordine e perfezione da qualsiasi caos.

L’energia femminile non teme la perdita del contatto e dell’empatia perchè sa che è in grado in qualsiasi momento di ricostruire canali di affetto, di comprensione, di accoglimento da qualsiasi rottura si possa partire, se questo è nel suo intento ed è la sua volontà.

Questo vale anche per l’energia maschile: il caos si trasforma in ordine e in perfezione, se questo è nel suo intento e nella sua volontà.

Quando sono profondamente radicati nella loro energia, uomini e donne possono andare incontro all’altro in piena apertura, perchè il caos non spaventa chi ha il potere di trasformarlo, e la rottura non spaventa chi ha il potere di accogliere.

E’ questione di potere, di essere nel proprio potere, perché solo così il cuore non va in mille pezzi e la rabbia non esplode nella testa.

Per questo non può esistere una ferita provocata dall’esterno, in quanto l’esterno ci aiuta solo a mettere a fuoco e a far emergere ciò che è dentro di noi.

(pag. 76)

————————————————————————————————————————————

Il secondo libro

Giuseppina Morrone, Lidia Fogarolo, Maschile e femminile – I due volti dell’anima, pubblicato da Associazione Culturale Il Crogiuolo, Villaga (VI) 2008

Il libro è disponibile per i soci dell’Associazione Culturale Il Crogiuolo, oppure è acquistabile nel sito www.ilmiolibro.it.

Il Cielo e la Terra

Tutti gli esseri umani riconoscono il loro profondo bisogno da una parte di radicarsi in questa dimensione densa, difficile, problematica che è la Terra, e dall’altra l’altrettanto profondo bisogno di proiettarsi nella dimensione energetica e spirituale del Cielo. Nel fare questo gli uomini e le donne esplicano un’energia diversa, in quanto è come se fossero specializzati uno nell’ancoramento alla Terra e l’altra nell’ancoramento al Cielo.

L’uomo, proprio perché energia maschile, trova il suo nutrimento quando riesce a infilare tutte le sue radici più profonde nel cuore di Madre Terra, attingendo da questa tutto il suo sapere, tutta la sua forza. Mentre l’energia femminile, quindi le donne che meglio la incarnano, vengono attratte, per la polarità opposta, verso il Cielo.

Se l’uomo e la donna non fossero ancorati profondamente l’uno all’altro avverrebbe una dualità estrema: le donne si proietterebbero eccessivamente nei mondi spirituali, verso l’energia di luce; e gli uomini sarebbero assorbiti totalmente dalla Terra. Per questo i due mondi, per essere fecondi, devono agganciarsi l’uno all’altro.

La donna sente il suo bisogno energetico di ancorarsi profondamente all’uomo, in quanto questo le permette di non perdersi in un vuoto sterile; e l’uomo sente il suo bisogno energetico di ancorarsi profondamente alla donna per non perdersi in una concretezza e in una focalizzazione che lo schiaccerebbe eccessivamente verso un fare concreto e preciso, per cui, se non viene attivato uno sguardo più ampio, spirituale, si perde in una sterilità anch’esso.

(pagg. 20-21)

———————————————————————

Il terzo libro

Copertina 001

Giuseppina Morrone, Lidia Fogarolo, Maschile e femminile – L’attraversamento del corpo emotivo, pubblicato da Associazione Culturale Il Crogiuolo, Agugliaro (VI) 2013

Il libro è disponibile per i soci dell’Associazione Culturale Il Crogiuolo oppure è acquistabile nel sito  ilmiolibro.it

Le emozioni svolgono un ruolo fondamentale nella nostra vita perché costituiscono una fonte inesauribile di significato in merito agli eventi che ci accadono. Ma quando questa chiave di lettura entra in rotta di collisione con altre verità, quelle che appartengono alla mente e al cuore, la personalità immediatamente si allerta e cerca di mediare, smussando gli angoli o celando – prima di tutto a se stessa – la risposta emotiva reale, per non distruggere tutto quello che ha faticosamente costruito intorno a sé. Tuttavia si tratta di strategie difficili da attuare, dato che le emozioni operano in uno spazio psichico e neurale al quale la coscienza non ha accesso, se non in minima parte.

I miti elaborati in epoche passate hanno cercato di spiegare questi conflitti interiori attribuendoli all’influenza di diverse divinità. Perché la sensazione reale è proprio di forze potenti che scendono in campo per avere la supremazia, senza nessuna possibilità di mediazione: se si presenta lo sguardo d’amore, non può essere negato; e se invece appare lo sguardo di orrore, non c’è molto che la personalità possa fare per arginarlo. Il sentire del corpo emotivo equivale al contatto con una verità interiore molto profonda che scalza tutte le strategie messe in atto dall’Io per andare nel mondo in equilibrio.

Se però non viene messa in evidenza anche la differenza di genere e cosa porta al limite di loro stessi gli uomini e le donne, si rischia di cadere nel gioco di proiezione della colpa; e questo momento altamente creativo per la psiche umana non viene compreso.

 

 

 
Stylish icon   Stylish icon

Websites designed and created By segnaleinterrotto.it